METEOROMA.NET





meteoroma.net - le previsioni del tempo sulla Capitale




Il webmaster



















a quota 5.357 metri sul Gokyo Peak

 

In breve: Filippo Thiery è un meteorologo, laureato in Fisica, che si occupa dal 2002 di previsioni operative in ambito istituzionale, lavorando al Dipartimento della Protezione Civile a supporto di attività nazionali di allertamento, prevenzione del rischio e gestione dell’emergenza. In precedenza ha svolto attività di ricerca sui cambiamenti climatici e insegnato matematica e fisica nelle scuole superiori.
Si dedica spesso e volentieri alla divulgazione scientifica su queste tematiche, cercando di perseguirla in modo serio ma non necessariamente in forme seriose, credendo socraticamente al valore dell'ironia, a partire da quella verso se stesso. Fra i tanti ambiti, sia del territorio che del panorama mediatico, in cui prova a dare il suo contributo nell'arginare la dilagante piaga delle bufale e del sensazionalismo e di fornire spazi di corretta informazione, dal 2012 è il volto della rubrica meteorologica di Geo, il programma di divulgazione ambientale di Rai3, in onda tutti i pomeriggio in diretta da settembre a maggio, e da qualche tempo gestisce un blog.
Ostinatamente convinto dell'importanza di usare le parole giuste e di combattere quelle sbagliate, intollerante ad alcuni antibiotici e a tutte le forme di banalizzazione e manipolazione del sapere, fortemente allergico alle riunioni specie se inutili (quasi tutte) e a ogni forma di ipocrisia e disonestà a partire da quella intettuale, gravemente refrattario agli steccati fra i popoli, alla burocrazia e alle scadenze in genere, maniacalmente perfezionista e quindi perennemente insoddisfatto, incline all'amor di chiacchiera e quindi logorroico e dispersivo oltre ogni misura, amante dei lupi e delle foreste per animo libertario, montanaro per indole e passione, antimilitarista e antirazzista per etica, romanista globale per impronta genetica.


Filippo Thiery è nato e vive a Roma.
Nel 1998 si è laureato con lode in Fisica, indirizzo teorico della materia, con una tesi sulla meccanica statistica dei liquidi complessi, ed ha poi orientato la sua carriera professionale nel campo della Fisica dell'atmosfera, dapprima svolgendo attività di ricerca nel settore della climatologia, poi specializzandosi in meteorologia previsionale, coltivando l'obiettivo di dedicarsi alle previsioni del tempo a fini operativi, suo definitivo settore di attività e qualifica professionale.

Dal marzo 2003 lavora presso il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, in particolare nel settore meteo del Centro Funzionale Centrale, ove svolge principalmente compiti operativi nell'emissione delle previsioni ed allerte meteorologiche rivolte ad enti ed istituzioni competenti e nel supporto meteo al personale impegnato in grandi eventi o emergenze nazionali ed internazionali, e come attività colleterali partecipa a campagne, incontri, iniziative formative e convegni sulle connesse tematiche della previsione degli eventi avversi e della comunicazione del rischio.
Dal 2012 è inoltre il volto della rubrica meteorologica di Geo, lo storico programma di Rai3 dedicato alla divulgazione scientifica, naturalistica ed ambientale, in onda tutti i pomeriggi, da settembre a maggio, sulla terza rete del servizio pubblico: nella stagione 2017/18, per il sesto anno consecutivo, ha curato (128 puntate in diretta) il quotidiano spazio di previsioni meteo all'interno della trasmissione "Geo" condotta da Sveva Sagramola ed Emanuele Biggi, dopo averlo già curato con gli stessi conduttori per 111 puntate nella stagione 2016/17, per 118 puntate nella stagione 2015/16, per 120 puntate nella stagione 2014/15 e per 109 puntate nella stagione 2013/14, e per 106 puntate nell'edizione 2012/13 di "Cose dell'altro Geo" condotta da Massimiliano Ossini.
Il 7 febbraio 2008 ha ricevuto l'attestazione di Pubblica Benemerenza del Dipartimento della Protezione Civile di III classe - 3a fascia, onorificenza della Repubblica Italiana conferita a testimonianza dell'opera e dell'impegno prestati in attività connesse ad eventi calamitosi, emergenze e grandi eventi sul territorio nazionale ed estero.
Ha seguito corsi avanzati di meteorologia applicata presso l'ECMWF (European Centre for Medium-Range Weather Forecasts), il CNMCA (Centro Nazionale di Meteorologia e Climatologia Aeronautica) e l'Università di Trento, ed ha approfondito in particolare il campo della meteorologia alpina e della nivologia, seguendo i corsi istituiti dal servizio MeteoMont e dall'AINEVA (Associazione Interregionale Neve e Valanghe), conseguendo per esame la qualifica di "Osservatore Nivologico"; spiccatamente votato alla meteorologia sugli ottomila del globo, ha fornito il quotidiano supporto meteo alle spedizioni invernali 2013, 2014, 2015 e 2016 dell'alpinista Daniele Nardi sul Nanga Parbat (8126 m, Pakistan) e la consulenza meteo durante il tentativo di vetta del maggio 2018 al Kanchenjunga (8586 m, Nepal) dell'alpinista Marco Confortola; è stato invitato come ospite esperto di meteorologia d'alta quota sul palco dell'edizione 2018 del Trento Film Festival.

Svolge periodicamente incarichi di libera docenza sui temi connessi alla Fisica dell'atmosfera presso Università e istituti o enti di ricerca; in particolare, ha ricoperto l'incarico di docente in meteorologia e climatologia nelle edizioni 2009/10, 2011/12, 2012/13 e 2013/14 del Master di II livello in "Bioedilizia e progetto sostenibile", già Master in "Bioedilizia e risparmio energetico", promosso dalla Facoltà di Ingegneria Civile e Industriale della Sapienza Università di Roma, presso la quale ha inoltre tenuto, negli anni accademici 2011/12, 2012/13 e 2013/14, seminari di climatologia per finalità di progettazione nell'ambito dell'insegnamento di "Architettura tecnica e sostenibilità ambientale con Laboratorio progettuale" del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Edile - Architettura, mentre nelle edizioni 2010, 2011 e 2012 del "Corso di Formazione in Aerobiologia", organizzato dalla Associazione Italiana di Aerobiologia, ha ricoperto l'incarico di relatore su argomenti di meteorologia finalizzata al monitoraggio e sul calcolo delle traiettorie delle masse d'aria. Negli anni più recenti, si è dedicato più nello specifico alla diffusione della cultura meteorologica, contro bufale, sensazionalismi e fake news, e alla problematica della corretta comunicazione di questa disciplina sui media, tenendo incontri e lezioni sul tema, ad esempio presso i corsi di laurea in Scienze dell'informazione e Giornalismo radiotelevisivo delle Università Sapienza e Tor Vergata di Roma, e nell'ambito dei Meeting di studio e formazione dell'Associazione Nazionale Disaster Manager. Sui medesimi argomenti, inoltre, si dedica assiduamente ad attività di divulgazione scientifica, sia sul territorio (girando spesso e volentieri le realtà più disparate, dalle scuole ai rifugi di montagna) che su testate cartacee e online (fra le altre cose, gestisce il blog "Prima della pioggia" nella sezione social de Il Giornale della Protezione Civile). Vanta con particolare orgoglio la prefazione al libro "Meteo che scegli tempo che trovi" di Serena Giacomin (Imprimatur Editore, 2018).
Nell'anno scolastico 2006/07, inoltre, si è dedicato all'insegnamento di Matematica e Fisica in un Liceo Scientifico Statale dove era titolare di cattedra come vincitore di concorso ordinario, mestiere che ha svolto con molta passione credendo fortemente nella valenza sociale e formativa della Scuola Pubblica, ma a cui ha infine rinunciato per tornare a tempo pieno al mestiere di meteorologo.
Nell'ottobre 2004 ha fatto parte della delegazione italiana alla XII Commission for Hydrology della WMO (World Meteorological Organization), mentre nel maggio 2016 ha partecipato, come unico rappresentante italiano, al 13° Forum international de la Météo et du Climat, che ha riunito a Parigi oltre 50 meteorologi televisivi di 32 diversi paesi del mondo.
Dal settembre 2004 al luglio 2005 ha curato giornalmente in proprio la rubrica di previsioni meteorologiche sul quotidiano "Il Romanista", sulle cui pagine ha nuovamente curato una rubrica di previsioni meteo per le partite della Roma durante l'intera stagione 2017/18, riprendendola dall'inizio della attuale stagione 2018/19.

In precedenza, dall'agosto 2002 al febbraio 2003, ha lavorato come previsore presso il Servizio Meteorologico dell'Emilia Romagna, con impiego operativo nella emissione di bollettini meteorologici per quotidiani regionali, radio locali e nazionali, TG3 e Televideo regionale, siti web istituzionali, Società Autostrade e Protezione Civile Regionale.
Prima ancora, dal novembre 2000 al luglio 2002, ha svolto attività di ricerca sulla tematica dei cambiamenti climatici presso la sezione Clima del Centro Ricerche "Casaccia" dell'ENEA (Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente), operando nel gruppo del dr. Giorgio Di Sarra che effettua misurazioni in ambiente remoto marino di gas atmosferici ed altre grandezze ad impatto climatico: nell'ambito di questa attività, si è occupato principalmente di analisi ed interpretazione fisica dei dati relativi alle concentrazioni dei gas serra, e delle loro connessioni con i fenomeni climatici a scala globale. Nell'ottobre 2001 ha presentato i risultati di questa ricerca alla Sesta Conferenza Internazionale sul Biossido di Carbonio (Sendai, Giappone).
Infine, dall'ottobre 1998 all'ottobre 2000, ha lavorato presso l'UCEA (Ufficio Centrale di Ecologia Agraria), all'epoca divisione tecnico-scientifica del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali (attualmente Istituto del Consiglio per la Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura), occupandosi di dati meteo-climatici finalizzati al calcolo del fabbisogno irriguo nelle regioni del mezzogiorno italiano, nell'ambito di un progetto finanziato dalla Comunità Europea e gestito dall'INEA (Istituto Nazionale di Economia Agraria) per l'ottimizzazione delle risorse idriche nelle aree a rischio siccità e desertificazione.
I risultati dei sopracitati lavori di ricerca sono stati presentati a convegni nazionali ed internazionali, e sono stati pubblicati sulle riviste scientifiche di settore.

Durante gli studi universitari ha avuto la straordinaria fortuna di frequentare i corsi tenuti da fisici del calibro di Giorgio Parisi, Daniel Amit, Miguel Angel Virasoro, Angelo Vulpiani e Carlo Di Castro, le cui lezioni lo hanno indirizzato con passione verso il campo della Fisica Teorica, in particolare della Meccanica Statistica e dei sistemi disordinati, facendone l'argomento del piano di di studi e della tesi di laurea: ha svolto quest'ultima nel gruppo di ricerca del Prof. Piero Tartaglia e del Prof. Francesco Sciortino, presso il Dipartimento di Fisica dell'Università di Roma "La Sapienza", occupandosi dal punto di vista teorico e computazionale delle transizioni vetrose e dei processi dinamici lenti nei liquidi sottoraffreddati. I risultati del lavoro di tesi sono stati presentati in un articolo su "Physical Review" (1999), poi ripreso da una pubblicazione sulla rivista "Nature Materials" (2002).

Per profondi convincimenti morali, accompagnati da una ferma avversione all'uso delle armi, al momento di assolvere gli obblighi di leva si è dichiarato Obiettore di Coscienza al servizio militare ed ha svolto il Servizio Civile presso il centro ascolto extracomunitari della Caritas di Roma, con un periodo di impiego anche nelle tendopoli dell'Umbria dopo il terremoto dell'autunno 1997. Dal 1995 è stato segretario del Coordinamento romano Obiettori di Coscienza, sede federata della Associazione Obiettori Nonviolenti onlus, per il quale ha svolto numerose attività sulle tematiche della Pace, del disarmo e dei diritti umani, contro la guerra ed il commercio delle armi, organizzando iniziative di carattere politico e culturale, promuovendo campagne e manifestazioni, collaborando a pubblicazioni ed articoli.

Il 20 marzo 1983, in un Roma-Udinese nell'anno del secondo scudetto della storia giallorossa, varcò per la prima volta i cancelli dello Stadio Olimpico, divenuti presto mèta di regolare frequentazione settimanale: dalla stagione 1986/87 è ininterrottamente abbonato al settore dei Distinti Sud, e resiste tutt'ora nel seguire il calcio dagli spalti, a dispetto della moderna e malsana consuetudine di spostare le tifoserie in salotto davanti alle pay-tv. Nel maggio 2008, insieme ad altri autori, ha pubblicato con le Icone Edizioni il volume "Roma-Juventus 1-1 - libro intervista a Damiano Tommasi", che nel marzo 2010 è stato editato anche in Cina, in versione bilingue mandarino standard-inglese.
Nel tempo libero coltiva l'hobby della fotografia, che in passato (nell'era ormai preistorica della pellicola e della camera oscura) ha praticato anche con alcune esperienze professionali da freelance, l'ascolto delle canzoni di Francesco Guccini, che per vent'anni ha inseguito nei concerti in giro per l'Italia, ed una viscerale passione per la montagna, che lo ha finora spinto sulle vette delle Alpi, dei Pirenei e dell'Himalaya.
Fra le decine di ferrate e vie alpinistiche percorse soprattutto nella zona delle Dolomiti, la sua maggiore soddisfazione rimane la conquista delle Tre Cime di Lavaredo, compiuta grazie alla guida alpina di Dobbiaco Luis Ströbl rispettivamente nel 1996 (cima Grande), 1998 (cima Piccola), 1999 (cima Ovest), tutte per le vie normali dal versante Sud, e nuovamente nel 2001 (cima Grande), stavolta per la spettacolare via Dibona lungo lo spigolo Nord-Est. Nell'ottobre 2000, sempre sotto la guida di Luis Ströbl, ha partecipato ad un indimenticabile trekking di tre settimane sull'Himalaya nella regione del Khumbu (Nepal) fino alla quota di 5357 mt s.l.m. del Gokyo Peak, e confida nel fatto che questa straordinaria esperienza al cospetto della vetta dell'Everest, a stretto contatto con la grande dignità e ricchezza umana del popolo nepalese, non rimanga l'unica della sua vita.

 


clicca per ingrandire

Curriculum vitae


Carriera scolastica ed accademica

  • Laurea in Fisica conseguita il 21 maggio 1998 presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” con votazione finale 110/110 e lode.
    Titolo della tesi di Laurea: “Applicazione della teoria di mode-coupling ad un sistema di sfere dure adesive” [sintesi]. Relatori Prof. Piero Tartaglia e Prof. Francesco Sciortino; Controrelatore Prof. Francesco Guerra.

  • Diploma di Maturità conseguito presso il Liceo Scientifico Statale “G.B. Morgagni” di Roma, con votazione finale 60/60.


Attività professionali:

  • 1 marzo 2003 - attuale: dipendente del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile – Presidenza del Consiglio dei Ministri, con il profilo professionale di specialista di settore scientifico e tecnologico ed impiego presso il settore meteo del Centro Funzionale Centrale, con compiti operativi nell'emissione delle previsioni e della messaggistica di allerta meteorologica istituzionale per il Sistema Nazionale della Protezione Civile (bollettini di previsione e vigilanza meteorologica, avvisi di avverse condizioni meteo), nel supporto meteo al personale impegnato in grandi eventi o emergenze nazionali ed internazionali, e nella divulgazione delle informazioni meteorologiche di protezione civile ai mezzi di informazione (telegiornali e giornali radio nazionali, Isoradio, agenzie stampa e radiofoniche, quotidiani).

  • 1 agosto 2002 - 28 febbraio 2003: impiego operativo presso il Servizio Meteorologico Regionale dell’Emilia Romagna, tramite borsa di studio finanziata dall'ARPA sulla tematica "attività di previsioni meteorologiche" (incarico conseguito come vincitore di concorso a bando nazionale), con impiego specifico nella elaborazione di bollettini meteorologici per quotidiani regionali, radio locali e nazionali, TG3 e Televideo regionale, siti web istituzionali, Società Autostrade e Protezione Civile Regionale.

  • 1 novembre 2000 – 31 luglio 2002: attività di ricerca scientifica sui gas-serra, e sulle loro connessioni con i fenomeni climatici a scala globale, presso la sezione di Fisica dell’Atmosfera del Centro Ricerche "Casaccia" dell'ENEA, tramite borsa di studio sulla tematica “cambiamenti climatici” (incarico conseguito come vincitore di concorso a bando nazionale).

  • 15 ottobre 1998 – 31 ottobre 2000: attività di consulenza scientifica in ambito meteorologico e climatologico, con impiego nella costituzione e validazione di banche dati meteo-climatici, nello sviluppo di indicatori di siccità e desertificazione e nella emissione di bollettini delle avversità meteorologiche, presso l'Ufficio Centrale di Ecologia Agraria, tramite co.co.co. finanziato nell'ambito del Programma Operativo Multiregionale della Commissione Europea "Studio sull’uso irriguo della risorsa idrica, sulle produzioni agricole irrigate e sulla loro redditività".



Collaborazioni e consulenze:

  • 11 settembre 2017 - 7 giugno 2018: consulenza scientifica con la RAI - Radiotelevisione Italiana per comparire in diretta con quotidiane apparizioni in video (128 puntate in totale), in una specifica rubrica dedicata alla situazione ed alle previsioni meteorologiche ed alle ricadute degli eventi atmosferici sul territorio, l'ambiente e le attività umane, durante la trasmissione di Rai3 "Geo" condotta da Sveva Sagramola ed Emanuele Biggi dallo studio 10 di via Teulada.

  • 12 settembre 2016 - 19 maggio 2017: consulenza scientifica con la RAI - Radiotelevisione Italiana per comparire in diretta con quotidiane apparizioni in video (111 puntate in totale), in una specifica rubrica dedicata alla situazione ed alle previsioni meteorologiche ed alle ricadute degli eventi atmosferici sul territorio, l'ambiente e le attività umane, durante la trasmissione di Rai3 "Geo" condotta da Sveva Sagramola ed Emanuele Biggi dagli studi 10 e 12 di via Teulada.

  • 14 settembre 2015 - 20 maggio 2016: consulenza scientifica con la RAI - Radiotelevisione Italiana per comparire in diretta con quotidiane apparizioni in video (118 puntate in totale), in una specifica rubrica dedicata alla situazione ed alle previsioni meteorologiche ed alle ricadute degli eventi atmosferici sul territorio, l'ambiente e le attività umane, durante la trasmissione di Rai3 "Geo" condotta da Sveva Sagramola ed Emanuele Biggi dagli studi 10 e 12 di via Teulada.

  • 22 settembre 2014 - 22 maggio 2015: consulenza scientifica con la RAI - Radiotelevisione Italiana per comparire in diretta con quotidiane apparizioni in video (120 puntate in totale), in una specifica rubrica dedicata alla situazione ed alle previsioni meteorologiche ed alle ricadute degli eventi atmosferici sul territorio, l'ambiente e le attività umane, durante la trasmissione di Rai3 "Geo" condotta da Sveva Sagramola ed Emanuele Biggi dagli studi 10 e 12 di via Teulada.

  • 23 settembre 2013 - 23 maggio 2014: consulenza scientifica con la RAI - Radiotelevisione Italiana per comparire in diretta con quotidiane apparizioni in video (109 puntate in totale), in una specifica rubrica dedicata alla situazione ed alle previsioni meteorologiche ed alle ricadute degli eventi atmosferici sul territorio, l'ambiente e le attività umane, durante la trasmissione di Rai3 "Geo" condotta da Sveva Sagramola ed Emanuele Biggi dallo studio Nomentano 1 della DEAR.

  • 24 settembre 2012 - 2 maggio 2013: consulenza scientifica con la RAI - Radiotelevisione Italiana per comparire in diretta con quotidiane apparizioni in video (106 puntate in totale), in una specifica rubrica dedicata alla situazione ed alle previsioni meteorologiche ed alle ricadute degli eventi atmosferici sul territorio, l'ambiente e le attività umane, durante la trasmissione di Rai3 "Cose dell'altro Geo", condotta da Massimiliano Ossini dallo studio 12 di via Teulada.

  • settembre 2017 – maggio 2018: curatore di una rubrica di previsioni meteorologiche (1/2 uscite settimanali) sul quotidiano "Il Romanista".

  • maggio 2018: consulenza meteorologica all'alpinista Marco Confortola durante il tentativo di vetta al Kanchenjunga (8586 m, Nepal)

  • inverno 2013, 2014, 2015: supporto meteorologico alle spedizioni dell’alpinista Daniele Nardi nei tentativi della prima ascensione invernale assoluta sulla vetta del Nanga Parbat (8126 m, Pakistan).

  • 1 settembre 2004 - 31 luglio 2005: curatore di una quotidiana rubrica di previsioni meteorologiche sul quotidiano "Il Romanista".



Attività di docenza:

  • a.s. 2006/07: insegnante titolare di cattedra di Matematica e Fisica presso il Liceo Scientifico Statale "Evangelista Torricelli" di Roma (incarico di ruolo conseguito come vincitore di concorso ordinario a cattedre).

  • febbraio 2010: docente in Meteorologia e Climatologia nell'ambito del Master di II livello in "Bioedilizia e risparmio energetico" per laureati in architettura o ingegneria civile, edile e ambientale, istituito dalla facoltà di Ingegneria dell'Università la Sapienza di Roma.

  • novembre 2010: relatore con una lezione sul "Trasporto a lunga distanza" nell'ambito del "III Corso di Formazione in Aerobiologia", organizzato dalla Associazione Italiana di Aerobiologia presso la sede dell'Orto Botanico dell'Università degli Studi “La Sapienza” di Roma con accreditamento ECM riconosciuto dal Ministero della Salute per le professioni di Biologo, Medico, Tecnico della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro, Tecnico di laboratorio, Infermiere.

  • novembre 2011: relatore con due lezioni su "Elementi di meteorologia finalizzati al monitoraggio” e "Meteorologia e traiettorie polliniche" nell'ambito del "IV Corso di Formazione in Aerobiologia", organizzato dalla Associazione Italiana di Aerobiologia presso il Complesso di Sante Rufina e Seconda di Roma con accreditamento ECM riconosciuto dal Ministero della Salute per le professioni di Biologo, Medico, Tecnico della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro, Tecnico di laboratorio, Infermiere.

  • febbraio 2012: docente in Meteorologia e Climatologia nell'ambito del Master di II livello in "Bioedilizia e risparmio energetico" per laureati in architettura o ingegneria civile, edile e ambientale, istituito dalla Facoltà di Ingegneria Civile e Industriale dell'Università la Sapienza di Roma.

  • aprile 2012: relatore con un seminario su "Elementi di meteorologia e climatologia per finalità di progettazione" nell'ambito dell'insegnamento di "Architettura tecnica e sostenibilità ambientale con Laboratorio progettuale" condotto dal Prof. Carlo Cecere nel 5° anno del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Edile - Architettura dell’Università degli studi “La Sapienza" di Roma.

  • novembre 2012: relatore con due lezioni su "Elementi di meteorologia finalizzati al monitoraggio” e "Meteorologia e traiettorie polliniche" nell'ambito del "V Corso di Formazione in Aerobiologia", organizzato dalla Associazione Italiana di Aerobiologia presso il Complesso di Sante Rufina e Seconda di Roma con accreditamento ECM riconosciuto dal Ministero della Salute per le professioni di Biologo, Medico, Tecnico della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro, Tecnico di laboratorio, Infermiere.

  • dicembre 2012: relatore con un seminario su "Elementi di meteorologia e climatologia per finalità di progettazione" nell'ambito dell'insegnamento di "Architettura tecnica e sostenibilità ambientale con Laboratorio progettuale" condotto dal Prof. Carlo Cecere nel 5° anno del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Edile - Architettura dell’Università degli studi “La Sapienza" di Roma.

  • marzo 2013: docente in Meteorologia e Climatologia nell'ambito del Master di II livello in "Bioedilizia e risparmio energetico" per laureati in architettura o ingegneria civile, edile e ambientale, istituito dalla Facoltà di Ingegneria Civile e Industriale dell'Università la Sapienza di Roma.

  • novembre 2013: relatore con un seminario su "Elementi di meteorologia e climatologia per finalità di progettazione" nell'ambito dell'insegnamento di "Architettura tecnica e sostenibilità ambientale con Laboratorio progettuale" condotto dal Prof. Carlo Cecere nel 5° anno del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Edile - Architettura dell’Università degli studi “La Sapienza" di Roma.

  • aprile 2014: docente in Meteorologia e Climatologia nell'ambito del Master di II livello in "Bioedilizia e progetto sostenibile" per laureati in architettura o ingegneria civile, edile e ambientale, istituito dalla Facoltà di Ingegneria Civile e Industriale dell'Università la Sapienza di Roma.



Pubblicazioni scientifiche:
  • “Semischematic model for the center-of-mass dynamics in supercooled molecular liquids”, autori L. Fabbian, F. Sciortino, F. Thiery, P. Tartaglia, Phys. Rev. E vol. 55 pag. 1485 (1998). [.pdf]

  • "Ideal glass-glass transitions and logarithmic decay of correlations in a simple system", autori L. Fabbian, W. Götze, F. Sciortino, P. Tartaglia, F. Thiery, Phys. Rev. E vol. 59 pp.1347-1350 (1999). [.pdf]

  • "Studio dell'evapotraspirazione di riferimento nei comprensori irrigui delle regioni dell'Obiettivo 1. Confronto tra le formule di Hargreaves-Samani e Penman-Monteith", autori L. Perini, G. Dal Monte, F. Thiery, Atti del convegno "L'agrometeorologia per il monitoraggio dei consumi idrici" (Sassari, 3-5 novembre 1999). [.pdf]

  • "Costituzione della banca dati agrometeorologica nell'ambito del Sistema Informativo per la Gestione delle Risorse Idriche in Agricoltura: risorse, problematiche e metodi", autore Filippo Thiery (INEA, 2001). [.pdf]

  • "CO2 concentration in the Mediterranean: measurements at the island of Lampedusa in the period 1992-2001", autori F. Thiery, P. Chamard, L. Ciattaglia, L. De Silvestri, A. di Sarra, P. Grigioni, F. Monteleone, S. Piacentino, Extended Abstracts of Sixth International Carbon Dioxide Conference, Vol. I, 93-96 (2001). [.pdf]

  • "Interannual variability of atmospheric CO2 in the Mediterranean: measurements at the island of Lampedusa", autori P. Chamard, F. Thiery, A. di Sarra, L. Ciattaglia, L. De Silvestri, P. Grigioni, F. Monteleone, S. Piacentino, Tellus, Vol. 55B pp. 83-93 (2003). [.pdf]

  • "Atmospheric methane in the Mediterranean: Analysis of measurements at the island of Lampedusa during 1995-2005", autori F. Artuso, P. Chamard, S. Piacentino, A. di Sarra, D. Meloni, F. Monteleone, D.M. Sferlazzo, F. Thiery, Atmospheric Environment, Vol. 41, Issue 18, pp. 3877-3888 (2007). [.pdf su richiesta]


Pubblicazioni divulgative:
  • “La meteorologia al servizio della Protezione Civile”, autori P. Pagliara, L. Delli Passeri, F. Thiery. A. Toniazzo, Ecoscienza n°4/2012. [.pdf]

  • "Protezione Civile e previsioni qualificate", autori P. Pagliara, F. Thiery. Ecoscienza n°4/2014. [ .pdf ]

  • "L’uomo che invento` le previsioni del tempo", autore F. Thiery. Montagne 360°- rivista del Club Alpino Italiano, numero di maggio 2018. [ versione online ]

  • Prefazione al libro "Meteo che scegli tempo che trovi - guida alle previsioni meteo di app, web e TV" di Serena Giacomin (144 pp. Imprimatur Editore, 2018). [ copertina ]


Interventi a convegni scientifici, corsi e seminari:
  • 23 aprile 2002: "Gli ordini del caos nella dinamica e nella geometria del labirinto", relazione nell'ambito del convegno "I Nuovi Labirinti" organizzato dal Liceo Ginnasio Statale "Augusto" di Roma presso la sala Mozart di Palazzo Wedekind (Piazza Colonna, Roma). [brochure]

  • 3 dicembre 2008: "Meteorologia applicata per gli incendi boschivi", relazione per conto del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile nell'ambito del 2° Seminario informativo per Direttori delle Operazioni di Spegnimento presso il Reparto Addestramento Controllo Spazio Aereo dell’Aeronautica Militare (Aeroporto di Pratica di Mare, RM). [locandina]

  • 18 novembre 2010: “Dai pionieri della meteorologia alla lavagna all'era dei supercomputer; evoluzione, sviluppi e nuovi approcci nelle previsioni del tempo”, relazione nell'ambito del convegno "Roma cambia. E il clima?" organizzato dall'Associazione Bernacca onlus presso la Sala Pietro da Cortona ai Musei Capitolini (Palazzo dei Conservatori, Piazza del Campidoglio, Roma). [locandina - brochure]

  • 29 novembre 2010: "Meteorologia applicata per gli incendi boschivi", relazione per conto del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile nell'ambito del 3° Seminario informativo per Direttori delle Operazioni di Spegnimento presso il Reparto Addestramento Controllo Spazio Aereo dell’Aeronautica Militare (Aeroporto di Pratica di Mare, RM). [locandina]

  • 12 dicembre 2011: "Meteorologia applicata per gli incendi boschivi", relazione per conto del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile nell'ambito del 4° Seminario informativo per Direttori delle Operazioni di Spegnimento presso il Reparto Addestramento Controllo Spazio Aereo dell’Aeronautica Militare (Aeroporto di Pratica di Mare, RM).

  • 11 gennaio 2013: "Il sistema nazionale di allertamento: un complesso mosaico fra coordinamento e sussidiarietà", relazione per conto del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile nell'ambito del seminario "Codice rosso: Riflessioni sulle previsioni meteorologiche, le dinamiche di allertamento e la comunicazione del rischio negli eventi estremi" presso il Servizio IdroMeteoClima dell'ARPA Emilia Romagna (Bologna). [locandina]

  • 6 settembre 2014: "Previsioni meteo per rischio alluvioni", lezione nell'ambito della formazione ai volontari della campagna nazionale "Io non rischio" promossa dal Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, presso la sede operativa di via Vitorchiano (Roma).

  • 2 marzo 2015: "La comunicazione dei rischi: responsabilità, ruoli, contenuti e target - Comunicare il rischio meteo-idrogeologico", lezione nell'ambito del seminario su "Comunicazione istituzionale e informazione di protezione civile" curato dal Dipartimento della Protezione Civile nel corso di laurea specialistica in Scienze dell'informazione, della comunicazione e dell'editoria dell'Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

  • 10-11 aprile 2015: "Previsioni meteo per rischio alluvioni", lezione nell'ambito della formazione ai volontari della campagna nazionale "Io non rischio" promossa dal Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, presso Scuola Superiore dell'Amministrazione dell'Interno (Roma)

  • 12 giugno 2015: partecipazione come relatore alla tavola rotonda "Lo stato della meteorologia in Italia" organizzata dal Centro Epson Meteo presso il padiglione "Aquae 2015" (Venezia).

  • 12 settembre 2015: "Meteobufale, meteogiullari e metrostrilloni... difendiamo la dignità della meteorologia dagli urlatori del web", workshop nell'ambito del Meeting di studio e formazione dell'Associazione Nazionale Disaster Manager presso il Teatro "La Fenice" di Senigallia.

  • 25 settembre 2015: "Come si comunica l’incertezza”, relazione per conto del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile nell'ambito del seminario "I temporali: conoscerli per prepararsi" al Salone Coast Esonda di RemTech Expo 2015, sessione “La prevenzione dei rischi indotti dai fenomeni meteorologici estremi” (Ferrara).

  • 27 novembre 2015: partecipazione come relatore, per conto del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, alla tavola rotonda "Cosa attendersi dalla COP 21 a Parigi? Quali politiche per l'Italia?" nell'ambito del convegno "Il clima che cambia: cambiamenti climatici, impatti e politiche climatiche in Italia" presso l'Auditorium Santa Margherita dell'Università Ca' Foscari di Venezia.

  • 14 dicembre 2015: "La comunicazione dei rischi: responsabilità, ruoli, contenuti e target - Comunicare il rischio meteo-idrogeologico", lezione nell'ambito del seminario su "Comunicazione istituzionale e informazione di protezione civile" curato dal Dipartimento della Protezione Civile nel corso di laurea specialistica in Scienze dell'informazione, della comunicazione e dell'editoria dell'Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

  • 9 aprile 2016: "Le alluvioni si possono prevedere?", lezione nell'ambito della formazione ai volontari della campagna nazionale "Io non rischio" promossa dal Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, presso l’Istituto Superiore Antincendio (Roma)

  • 21 aprile 2017: "La comunicazione dei rischi: responsabilità, ruoli, contenuti e target - Comunicare il rischio meteo-idrogeologico", lezione nell'ambito del seminario su "Comunicazione istituzionale e informazione di protezione civile" curato dal Dipartimento della Protezione Civile nel corso di laurea specialistica in Scienze dell'informazione, della comunicazione e dell'editoria dell'Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

  • 22 aprile 2017: “Protezione Civile: l’importanza delle previsioni meteorologiche”, relazione nell’ambito del convegno "Solide radici per un territorio fragile" - organizzato dall'Ordine dei Geologi della Campania presso la Reggia di Portici (Napoli).

  • 29 settembre 2017: "La predicibilità dei fenomeni meteorologici avversi: dalla conoscenza e gestione dell'incertezza all'importanza di una informazione seria e qualificata", workshop nell'ambito del 7° Meeting di studio e formazione dell'Associazione Nazionale Disaster Manager presso il Teatro "La Fenice" di Senigallia.

  • 2 novembre 2017: "Previsioni meteorologiche e innovazione per la gestione del rischio in agricoltura", relazione nell'ambito del V Forum internazionale dell'Associazione Nazionale Consorzi di Difesa, "Climate change anda instability of farming income - innovation and experiences in risk management", Roma.

  • 17 novembre 2017: "La previsione dei fenomeni meteorologici avversi e il supporto alla prevenzione del rischio", relazione per conto del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile nell’ambito del convegno nazionale “Acqua: analisi e gestione della risorsa tra siccità e alluvioni” organizzato dal Consiglio Nazionale dei Geologi e dall’Ordine dei Geologi della Calabria presso la cittadella regionale di Catanzaro.

  • 21 aprile 2018: "La comunicazione dei rischi: responsabilità, ruoli, contenuti e target - Comunicare il rischio meteo-idrogeologico", lezione nell'ambito del seminario su "Comunicazione istituzionale e informazione di protezione civile" curato dal Dipartimento della Protezione Civile nel corso di laurea specialistica in Scienze dell'informazione, della comunicazione e dell'editoria dell'Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

  • 21 maggio 2018: "Oltre le meteo-bufale - la buona comunicazione in contesti d’emergenza", lezione per conto del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile nel corso in Giornalismo radiotelevisivo - laurea magistrale in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo presso il Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale della Sapienza Università di Roma.


Interventi a conferenze, iniziative e incontri di carattere divulgativo:
  • 7 aprile 2011: "Che tempo fa?", relazione agli alunni della Scuola Elementare di Frascati nell'ambito della V edizione della Settimana della lettura e letteratura per l’infanzia, durante i laboratori scientifici sul Clima a cura dell’Associazione Bernacca Onlus presso la sala polifunzionale “Nanomondo” di Villa Sciarra, Frascati. [locandina - brochure]

  • 21 maggio 2014: "L'incidenza dell'orografia del territorio sulle previsioni meteo", relazione a una serata di divulgazione scientifica organizzata dall'associazione Hipparcos (Roma)

  • 11 giugno 2014: intervento al convegno "meteorologia e climatologia" in occasione dell'inaugurazione della stazione meteorologica presso l'Istituto Comprensivo Statale "Volino-Croce-Arcoleo" di Napoli. [locandina]

  • 1-2 novembre 2014: "Con la testa tra le nuvole, trekking di 2 giorni dedicati alla meteorologia di montagna nel territorio del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, nell'ambito del calendario di escursioni a tema de "La Betulla" di Pietro Santucci (Civitella Alfedena, AQ).

  • 9 ottobre 2015: relazione nell’ambito della sessione “Il meteo come scienza: bufale, modelli, previsioni e previsori” all’Internet Festival 2015 (Pisa).

  • 12 novembre 2016: “Il valore della comunicazione meteorologica televisiva”, relazione nell’ambito del Festival nazionale della meteorologia (Rovereto).

  • 24 maggio 2017: “La gestione probabilistica del rischio nell’era dei cambiamenti climatici”, intervento nell’ambito del talk show scientifico “Buonasera Clima!” prodotto da The Best Solutions Group nell’ambito del Green Social Festival (Bologna).

  • 26 ottobre 2017: conduttore della serata organizzata dall'Osservatorio Meteorologico Milano Duomo con la proiezione pubblica del docufilm "RESEt: una classe alle Svalbard" e successivo incontro-dibattito sulla didattica delle scienze dell'atmosfera, del clima e dell'ambiente, presso il Palazzo Cinema Anteo di Milano.

  • 22 aprile 2018: intervento come relatore alla conferenza divulgativa su "Fisica dell'atmosfera e meteorologia" nell'ambito del ciclo di incontri scientifico-culturali itineranti nel X Municipio di Roma, organizzati dall'Associazione Spazi all'Arte con il contributo dell'Assessorato alla Crescita Culturale di Roma Capitale.

  • 1 maggio 2018: intervento come ospite esperto sul tema della meteorologia d’alta quota alla serata alpinistica “Tomek, il sognatore del Nanga e l’inverno degli ottomila – dall’Everest al K2 il racconto di imprese impossibili” al Trento Film Festival.

  • 22 luglio 2018: intervento su “Previsioni meteorologiche e sicurezza in montagna” nell'ambito del ciclo di incontri culturali in quota al Rifugio Vincenzo Sebastiani (Parco Naturale Regionale del Sirente-Velino).


Alcune interviste sul web:


Contributi a poster e lavori scientifici presentati a convegni e conferenze:
  • “Ideal mode-coupling glass transition line for a micro-emulsion system: the Baxter potential”, autori F. Thiery, L. Fabbian, F. Sciortino, P. Tartaglia, International Workshop on the Morphology and Kinetics of Phase Separating Complex Fluids (Messina, giugno 1997).

  • "Studio dell'evapotraspirazione di riferimento nei comprensori irrigui delle regioni dell'Obiettivo 1. Confronto tra le formule di Hargreaves-Samani e Penman-Monteith", autori F. Thiery, G. Dal Monte, L. Perini, "L'agrometeorologia per il monitoraggio dei consumi idrici" (Sassari, novembre 1999)

  • "CO2 concentration in the Mediterranean: measurements at the island of Lampedusa in the period 1992-2001", autori F. Thiery, P. Chamard, L. Ciattaglia, L. De Silvestri, A. di Sarra, P. Grigioni, F. Monteleone, S. Piacentino, Sixth International Carbon Dioxide Conference (Sendai, Japan, 2001).

  • "The Global Atmosphere Watch Laboratory at Lampedusa, Italy", autori P. Chamard, F. Artuso, L. De Silvestri, A. di Sarra, U. Gentili, P. Grigioni, D. Meloni, F. Marenco, F. Monteleone, S. Piacentino, F. Thiery, Global Atmosphere Watch Workshop (Riga, Latvia, 2002).

  • "The evolution of greenhouse gas concentration in the Mediterranean", autori P. Chamard, F. Artuso, A. di Sarra, F. Monteleone, S. Piacentino, F. Thiery, Atmospheric Chemistry within the Earth System: From Regional Pollution to Global Climate Change (Crete, Greece, 2002).

  • "Ten years of methane observations at Lampedusa", autori F. Artuso, P. Chamard, A. di Sarra, S. Piacentino, F. Thiery, 8th International Global Atmospheric Chemistry Conference (Christchurch, New Zealand, 2004).

  • "Measurement of atmospheric methane in the Mediterranean", autori F. Artuso, P. Chamard, S. Piacentino, A. di Sarra, D. Meloni, F. Monteleone, D. Sferlazzo, F. Thiery, CarboEurope Atmosphere Component Meeting (Heidelberg, Germany, 2006).

  • "Atmospheric methane in the Mediterranean: measurements at the island of Lampedusa in the period 1995-2005", autori F. Artuso, P. Chamard, S. Piacentino, A. di Sarra, D. Meloni, F. Monteleone, D. Sferlazzo, F. Thiery, Open Science Conference on the Greehouse Gas cycle in the Northern Hemisphere (Crete, Greece, 2006).

  • "Application of geostatistics and gis tools for the individuation of flooded zones during extreme rainfall events in the urban area of Rome", autori C. Di Salvo, G. Ciotoli, F. Leone, F. Stigliano, G.P. Cavinato, F. Thiery, L. Cavarra, 7th European Congress on Regional Geoscientific Cartography and Information Systems (Bologna, 2012).


Partecipazione a convegni e congressi nazionali ed internazionali:
  • Giugno 1997: "International Workshop on the Morphology and Kinetics of Phase Separating Complex Fluids" (Messina).

  • Novembre 1999: "L'agrometeorologia per il monitoraggio dei consumi idrici" (Sassari).

  • Ottobre 2001: "Sixth International Carbon Dioxide Conference" (Sendai, Giappone).

  • Settembre 2003: "Sixth European Conference on Applications of Meteorology" (Roma).

  • Ottobre 2004: "Commission for Hydrology - twelfth session" - World Meteorological Organization (Ginevra, Svizzera).

  • Novembre 2010: "Dal colonnello Bernacca a Internet. 1985-2010, come è cambiata la meteorologia in Italia", convegno per il 25° anno del Servizio Meteorologico dell'Emilia Romagna (Bologna).

  • Ottobre 2011: "Protezione civile e responsabilità nella società del rischio", giornata di studio organizzata dal Dipartimento Nazionale della Protezione Civile (Roma).

  • Novembre 2011: "L’Unità d’Italia e la spinta propulsiva all’unificazione dei servizi meteorologici nazionali a salvaguardia del territorio", workshop in occasione del 135° anniversario dell’istituzione del CRA-CMA (Roma).

  • Ottobre 2014: "Previsioni e previsori - la certificazione della qualifica professionale e il valore della previsione meteo" (Bologna).

  • Maggio 2016: "13° Forum international de la Météo et du Climat" (Parigi).


Partecipazione a corsi/scuole nazionali ed internazionali:
  • Ottobre 2002: “Il Preannuncio degli effetti al suolo delle tempeste mediterranee ed il ruolo della radarmeteorologia” – Scuola nazionale 2a sessione (Gattatico, RE).

  • Novembre 2003: “Course on Weather Forecasting” presso la Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell'Università di Trento.

  • Marzo 2004: “Use and interpretation of ECMWF products” presso il Centro Europeo per le Previsioni a Medio Termine (Reading, UK).

  • Novembre 2004: “Meteorology and Regional Weather Forecasting” presso la Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell'Università di Trento.

  • Novembre 2005: “Course on weather forecast – Statistic and forecast communication” presso la Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell'Università di Trento.

  • Dicembre 2005: “Training corse on snow survey techniques and snow/weather support to land operations” organizzato dal Servizio MeteoMont del Comando Truppe Alpine e del Corpo Forestale dello Stato presso la base addestrativa di Arabba (BL).

  • Marzo 2006: “Corso per osservatore nivologico – modulo 2A” organizzato dall’Associazione Interregionale Neve e Valanghe.

  • Novembre 2006: “Course on weather forecast – Atmospheric Physics” presso la Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell'Università di Trento.

  • Dicembre 2007: “Corso di aggiornamento sulle tecniche di rilevamento e previsioni meteonivometriche” organizzato dal Servizio MeteoMont del Comando Truppe Alpine e del Corpo Forestale dello Stato presso la base addestrativa di Arabba (BL).

  • Gennaio 2010: “Meteorologia: satellite, fulmini e predicibilità” presso la Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell'Università di Trento.

  • Aprile 2010: “EUMETNET SatRep Project - Workshop on Conceptual Models in the Mediterranean” presso il Centro Nazionale di Meteorologia e Climatologia Aeronautica (Pratica di Mare).

  • Febbraio 2011: “L'osservazione della Terra per la misura degli effetti al suolo della precipitazione e il nowcasting” organizzato dall'Agenzia Spaziale Italiana presso il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile nell'ambito del progetto pilota "Prodotti di Osservazione Satellitare per Allerta Meteorologica".


Altre qualifiche conseguite per esame o concorso:
  • Vincitore di concorso ordinario a cattedra per l'insegnamento di Matematica e Fisica nelle scuole secondarie di secondo grado (incarico di ruolo con decorrenza giuridica settembre 2000; da settembre 2007 ha rinunciato alla titolarità di cattedra per sottoscrivere l'inquadramento nei ruoli speciali del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile - Presidenza del Consiglio dei Ministri).

  • Qualifica di “Osservatore Nivologico” rilasciata dall’Associazione Interregionale Neve e Valanghe. Esame finale sostenuto il 6 aprile 2006.


Onorificenze:
  • Attestato di Pubblica Benemerenza del Dipartimento della Protezione Civile di III classe - 3a fascia, conferita ai sensi del D.P.C.M. 19.12.2008, a far data dal 07.02.2008, per l'opera e l'impegno prestati in attività connesse ad eventi calamitosi e grandi eventi di cui ai DD.P.C.M. 02.05.2006, con diritto di fregiarsi delle relative insegne.

  • Croce Commemorativa della Croce Rossa Italiana, conferita in data 04.03.2011 per aver attivamente partecipato alle operazioni di soccorso e assistenza nell'ambito dell'emergenza "Sisma Abruzzo 2009", con diritto di fregiarsi delle relative insegne.

clicca per ingrandire